Regione Lombardia

Matrimonio

Ultima modifica 28 dicembre 2017

Pubblicazioni

Il matrimonio, sia che si svolga con rito religioso che con rito civile, deve essere preceduto dalle pubblicazioni di matrimonio presso il comune di residenza di uno dei futuri sposi; le pubblicazioni vanno richieste all'Ufficiale di Stato Civile. Il matrimonio deve essere celebrato entro sei mesi dalla data di scadenza delle pubblicazioni.

Come richiedere le pubblicazioni di matrimonio

Almeno uno dei due sposi deve presentarsi allo sportello con il proprio documento di identità e quello dell'altro; l'Ufficiale di Stato Civile provvederà ad acquisire d'ufficio tutti i documenti necessari e fisserà un appuntamento per la richiesta di pubblicazioni (c.d. consenso), che rimarranno affisse per otto giorni consecutivi e depositate in Comune per altri tre.

Pubblicazioni di matrimonio religioso

In caso di matrimonio religioso gli interessati dovranno presentare, all'atto del consenso, la richiesta di Pubblicazioni del Parroco o di altro Ministro di culto dinanzi al quale intendono contrarre matrimonio.

Pubblicazioni di matrimonio di sposi residenti in Comuni diversi

Se uno degli sposi è residente in altro Comune, le pubblicazioni andranno eseguite per lo stesso periodo anche in tale Comune: la trasmissione dell'atto avverrà tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) da parte dell'Ufficio di Stato Civile.

Pubblicazioni di matrimonio per sposi stranieri

I cittadini stranieri, sia residenti che non residenti, devono personalmente richiedere, prima delle pubblicazioni, un nulla osta matrimoniale (art. 116 del Codice Civile) rilasciato dal proprio Consolato o Ambasciata in Italia, debitamente tradotto in lingua italiana ed eventualmente legalizzato.

Documento di eseguita pubblicazione di matrimonio

Al termine di questo periodo l'Ufficio rilascia il certificato di eseguita pubblicazione (nulla-osta) da consegnare al Parroco (in caso di matrimonio RELIGIOSO) o all'Ufficiale di Stato Civile celebrante (in caso di matrimonio CIVILE).

Costi

L'atto di pubblicazione è soggetto al pagamento dell'imposta di bollo pari a € 16,00 se la pubblicazione viene eseguita in un solo Comune ed a € 32,00 se da eseguire in due Comuni.

Regime patrimoniale

La scelta del regime patrimoniale di separazione dei beni può essere dichiarata nell'atto di celebrazione del matrimonio (art. 162 Codice Civile) previo opportuno preavviso all'Ufficiale di Stato Civile al momento del consenso (nel caso di matrimonio civile) o al Parroco/Ministro di Culto (nel caso di matrimonio religioso).

In mancanza della dichiarazione di scelta, il regime cui sono sottoposti per legge i rapporti patrimoniali dei coniugi è quello della comunione dei beni (art. 159 Codice civile).

Vi è comunque la possibilità di stipulare convenzioni matrimoniali per atto notarile, in qualsiasi momento, sia prima che dopo la celebrazione del matrimonio (in questo caso il notaio trasmette l'atto al Comune).

Matrimoni civili a Muggiò

I matrimoni civili si celebrano nella sala di rappresentanza di Villa Isimbardi dinanzi al Sindaco o Assessore o impiegato delegato, previo accordo con l'Ufficio di Stato Civile. L'utilizzo della sala è completamente gratuito.

Orari ufficio Stato Civile

Lunedì, Mercoledì, Giovedì e Venerdì: dalle ore 9 alle ore 12.30

Martedì: dalle ore 9 alle ore 12.30 e dalle 14.30 alle 18

Sabato: dalle ore 8.45 alle ore 12.

Contatti

Telefono: 039/2709320

Mail: demografici@comune.muggio.mb.it